Noi…

                 SALUTO DI COMMIATO AL PERSONALE CHE VA IN PENSIONE
Benvenuti a tutti, un doveroso e sincero ringraziamento per la vostra preziosa presenza.
La scuola, per quest’anno, ha quasi chiuso i battenti, e per studenti e docenti ha inizio un
periodo di riposo. Ma, per alcuni, la chiusura dell’anno scolastico è un momento importante
perchè ha un sapore diverso: quello del collocamento a riposo dopo anni di lavoro. Il
pensionamento è un avvenimento inevitabile, che ogni lavoratore ad un certo punto della vita ha
di fronte. L’ins. Carmela Ragusa, la prof.ssa Marilena Sciurba, il sig. Giuseppe Costanza, il sig.
Aloisio, per noi, Luigi Di Liberto, al prossimo primo settembre non varcheranno più la soglia della
nostra scuola, dove, per giorni, mesi, anni, hanno impiegato tutte le loro energie.
Fra i corridoi di questa scuola trascorriamo una parte consistente della nostra vita , quando
ci incontriamo parliamo di tutto, di alunni, dei fatti del giorno, dei nostri problemi quotidiani.
Condividiamo ansie, gioie, momenti di delusione e di entusiasmo. I nostri colleghi spesso
diventano nostri amici, talvolta anche i nostri confidenti. E quando qualcuno di essi va in pensione
è un momento particolare per tutti: da un lato siamo contenti per loro che hanno raggiunto un
traguardo ed hanno ottenuto qualcosa che desideravano, dall’altro lato siamo tristi, perchè
sappiamo che fra questi corridoi non li incroceremo più e allora pensiamo a quello che ci
mancherà di loro.
Molti gli aspetti che caratterizzano la personalità dei nostri insegnanti e del personale ATA
cui oggi, in qualità di dirigente, a nome della comunità scolastica, porgo il saluto di commiato,
accomunati da rigore con se stessi e verso gli alunni, lealtà, flessibilità mentale e riservatezza,
attaccamento alla scuola.
L’ins. Carmela Ragusa e la prof.ssa Marilena Sciurba, sempre attente ai problemi degli
alunni, convinte della missione dell’insegnante e della funzione sociale della scuola, sono state
sagge conduttrici delle dinamiche relazionali e apprenditive che coinvolgono e caratterizzano gli
alunni. Tenendo presente l’essere potenziale dell’alunno e le capacità che non sono mai statiche,
ma sempre in evoluzione, esse hanno promosso interventi educativi e didattici mirati allo sviluppo
delle abilità e delle conoscenze di ciascuno dei propri alunni. Nell’interazione formativa hanno
fatto sì che l’autorità si sintonizzasse sempre con la libertà dell’alunno, hanno favorito la
comunicazione tipica e spontanea, nonchè lo sviluppo della coscienza personale di ciascuno dei
propri alunni.
L’ins. Carmela Ragusa e la prof.ssa Marilena Sciurba hanno operato in sinergia con i colleghi,
hanno partecipato a tutte le attività didattiche sempre puntuali nell’esecuzione di quanto veniva programmato e condiviso negli Organi Collegiali. Obiettivo essenziale dell’azione delle due docenti è stato quello di far acquisire agli alunni i saperi indispensabili per lo sviluppo delle capacità critiche e per l’acquisizione di un atteggiamento positivo nei confronti dell’apprendimento, nonchè per il riconoscimento e la condivisione dei valori fondanti la convivenza civile e democratica. Esse hanno operato in modo tale che ciascun alunno gradualmente potesse sviluppare conoscenze, abilità di base, autonomia, capacità di studio e dimensione relazionale, che gli consentissero senza difficoltà la prosecuzione degli studi.
Le insegnanti cui oggi rivolgiamo il nostro saluto si sono spese senza risparmio di energie
per il bene degli alunni, per innalzare la “qualità” del nostro istituto, e, al di là delle nozioni, con il loro esempio, hanno saputo trasmettere ai nostri ragazzi i valori più importanti della vita.
Il sig. Costanza e il sig. Di Liberto, rispettivamente collaboratore scolastico e assistente
amministrativo, hanno svolto il proprio lavoro con responsabilità, dedizione, competenza e
professionalità per offrire il migliore servizio possibile, mostrando grande attaccamento ed
adesione al nostro istituto. Da dirigente ho apprezzato nel sig. Costanza e nel sig. Di Libero, oltre la professionalità, l’umanità che li ha contraddistinto sia nei rapporti con i colleghi sia con l’utenza.
Per tutti i pensionandi cui oggi diamo il nostro saluto, mi dispiace soprattutto che vadano
via. Ma in realtà, carissimi, farete sempre parte della famiglia di questo Istituto comprensivo. Le porte saranno sempre aperte ed avremo ulteriori occasioni di incontrarci per il futuro.
                                                               GRAZIE
                                                                                                        La dirigente scolastica
                                                                                                                 Natalia Scalisi

                                     SALUTO DEL DIRIGENTE SCOLASTICO
Quello che porgo a tutti voi è un saluto veramente sincero e profondo, non solo
istituzionale, di fine anno scolastico.
La manifestazione di oggi vuole contenere e, in qualche modo, raccontare tutta
l’esperienza del lavoro che è stato fatto insieme durante i sei anni scolastici in cui ho
diretto l’istituto comprensivo di San Giuseppe Jato: lo sviluppo di relazioni,
l’atteggiamento di rispetto, l’attenzione ai livelli comunicativi, la scoperta della
propria creatività, il desiderio di comunicare con gli altri, consentendo a ciascuno di
vivere la propria identità, sentendosi soprattutto in armonia con se stesso, e non
solo con la logica della dimostrazione, sono stati gli elementi che ho inteso
incoraggiare, sostenere e sviluppare nella mia azione dirigenziale.
In questi sei anni di dirigenza dell’istituto ho visto aumentare, giorno dopo
giorno, l’impegno corale di tutta la comunità educante per far crescere il capitale
umano rappresentato dai nostri ragazzi.
Gli alunni hanno rappresentato sempre il fine dei miei pensieri di Docente, prima, e
di Dirigente, poi: sono convinta che, se abbiamo la possibilità di cambiare la società
e le cose che non vanno bene, questa passa senza dubbio attraverso l’investimento
sulla formazione e l’istruzione dei Giovani, sulla fiducia in loro, aiutandoli e
sostenendoli nel loro non facile cammino di formazione, disciplinando e incanalando
nella giusta direzione la loro esuberanza e il loro entusiasmo, ma avendo fiducia in
loro, perché saranno loro, domani, la società che noi avremo preparato, oggi.
Con i Docenti ho condiviso tutti i momenti dei miei sei anni di dirigenza nell’istituto
comprensivo di San Giuseppe Jato, quelli esaltanti e quelli un po’ meno, in un
quadro di rapporti sempre aperti e leali. Ai docenti va la mia riconoscenza per
quanto hanno fatto e fanno per la Scuola e per gli Alunni, per il contributo di
collaborazione e d’impegno che hanno offerto a me e all’organizzazione scolastica e
che rappresentano ancora un ruolo e una funzione fondamentale per le sorti della
società.
Grande supporto e valido sostegno sono stati per me i due docenti collaboratori,
prof. Vito La Milia e prof. Vincenzo Lo Porto, e le docenti responsabili di plesso,
Mariella Marsala, Irene Ciziceno, Saveria Marino, Rosa Basile e Marilena Verde.
Non posso non ricordare il personale Amministrativo, i collaboratori scolastici, il cui
apporto al funzionamento della scuola viene a volte sottovalutato, ma della cui
importanza spesso ci si accorge quando per una qualsiasi ragione non sono presenti
a scuola, o peggio ancora, quando ne viene ridotto l’organico.
Tutto il personale dei tre ordini di scuola, ha fornito un contributo determinante e
sostanziale alla costruzione di questa comunità educativa perché, se comunità
deriva da “Communio”, posso affermare che il loro innegabile senso di appartenenza
all’Istituto ha favorito il “mettere in comune” il condividere valori, idee e rispetto
reciproco per garantire il successo formativo di tutti, piccoli e grandi.
Un grazie particolare mi sia consentito alla DSGA, sig.ra Ina Tomasino, che ho avuto
modo di apprezzare per la competenza professionale, per la capacità di gestire il
personale, per la collaborazione e, soprattutto, per la disponibilità.
Non dimentico di rivolgere il mio saluto al Consiglio d’Istituto e al suo Presidente,
con cui ho lavorato in piena sintonia e a tutte le componenti del territorio (Comune,
Servizi sociali, Enti e associazioni) componenti che sono essenziali per la
realizzazione del percorso formativo dei nostri alunni.
In questi sei anni di dirigenza la scuola si è sempre più aperta al territorio e,
rimanendo ancorata ad esso, ha spiccato il volo, facendosi conoscere ed apprezzare
anche fuori dal territorio, che, nel percorso formativo progettato, i nostri alunni
hanno conosciuto, adottato, valorizzato. Tutto questo è stato possibile anche grazie
alla collaborazione con le Istituzioni e le Agenzie formative presenti nel territorio,
primo fra tutti l’Ente locale, con la cui Amministrazione la Scuola ha intensificato di
giorno in giorno la collaborazione. In questi anni di dirigenza ho avuto modo di
apprezzare la disponibilità, l’attenzione, la capacità di ascolto e la sensibilità attenta
dell’Amministrazione nei confronti dei bisogni della Scuola.
Da ultimo, ma non ultimi, il mio pensiero va ai Genitori e alle Famiglie degli Alunni.
Non ultimi perché i genitori sono una componente essenziale del processo
educativo e senza la loro presenza, partecipazione e collaborazione nella vicenda
formativa dei ragazzi, la Scuola non solo non potrebbe ottenere i risultati attesi e
sperati, ma neanche avere i presupposti per il suo funzionamento; senza
dimenticare, peraltro, che la norma assegna ad essi la titolarità dell’istruzione e della
educazione dei figli.
Ai genitori desidero rivolgere un ringraziamento per il contributo di collaborazione
offerto alla scuola in questi anni e l’augurio non solo di continuare a svolgere il loro
ruolo di genitori con efficacia, equilibrio e serenità di rapporti, ma anche di poter
avere la soddisfazione di brillanti risultati per i figli sia nello studio che nella vita.
Varie e numerose sono state le attività realizzate in questi anni ad ampliamento
dell’offerta formativa. Alcune di esse sono state realizzate con la dotazione
finanziaria del Fondo d’istituto, altre grazie ai Fondi Strutturali Europei.
In particolare, con i Fondi strutturali europei sono stati realizzati percorsi formativi
rivolti non soltanto agli alunni della scuola dell’infanzia, della scuola primaria e della
scuola secondaria di primo grado, ma anche agli adulti, ai genitori.
I lavori prodotti in questi anni sono la prova tangibile della creatività e della
dinamicità progettuale che caratterizza il nostro Istituto e mi auguro che essa possa
essere conosciuta ed apprezzata ogni giorno di più. In questo momento scorrono
davanti ai miei occhi i momenti della realizzazione dell’auditorium, della
videobiblioludoteca, dell’inaugurazione del plesso “Rodari”, che è stato oggetto di
ristrutturazione, della sottoscrizione del protocollo di intesa per uno scambio
culturale con la scuola 1950 di Mosca, l’invito al VI Forum Internazionale di San
Pietroburgo, il premio “Laura Borruso”, i riconoscimenti, anche importanti, che i
ragazzi dell’Istituto che ho l’onore di dirigere hanno conseguito – tanto per citarne
alcuni, il primo posto al I Concorso Nazionale “Valle dello Jato”, e all’ottavo concorso
musicale nazionale “Serradifalco città della musica”, la menzione speciale per “C’era
una volta Jato” al concorso Archeofilm, tenutosi a Firenze, la partecipazione
dell’Istituto a “Palermo apre le porte”, la visita degli alunni di Cerreto Guidi… e
potrei ancora continuare…..
Sono tutti ricordi che porterò sempre con me e che testimoniano la “grandezza” di
questo “piccolo tesoro” custodito nello scrigno dell’Istituto Comprensivo di San
Giuseppe Jato!
                                                   GRAZIE A TUTTI
                                Ad maiora semper maxima. Cum serenitate!
                                                                                                           Natalia Scalisi

 

 

 

 

Da non perdere…

 

 

 

Progetto PON : Il mio bel paese: ” dal sito… al museo… alla riproduzione” –  ” Un monumento per amico”

Un viaggio appena avviato alla scoperta del nostro territorio e del nostro meraviglioso parco archeologico di monte Iato. Perché, diciamolo pure, solo la cultura, l’arte e la bellezza ci possono salvare! 
Sono intervenuti Francesca Bianchi di ftnews, Pasquale VaccaroVito La Milia e gli affascinanti archeologi della spedizione svizzera. 

” MANi CREANDO”

Il progetto ” MANi CREANDO”, realizzato dalla scuola primaria “G. Falcone” dell’ IC di       San Giuseppe Jato, è un viaggio verso l’integrazione, dove non c’è un forte o un debole, un ricco o un povero, un capace o un meno capace ma ci sono persone diverse che INSIEME si completano creando solidarietà, cooperazione, armonia, amore…, perché là Diversità non Divide ma UNISCE! Il viaggio partito dal Natale, ha visto anche il Carnevale, la Pasqua e infine un musical tratto dal celebre film “Grease”. Un plauso ai bambini per l’ottima riuscita dell’intero progetto.

 

 

 

Ancora un altro Primo Premio!!!!!!!!!!!!!

29 Maggio La nostra orchestra porta a casa ancora un altro successo partecipando al Concorso Internazionale Musicale “Valle dello Jato”.

Godetevi lo spettacolo!!!!!!

 

11 2 3 4 5 6

 

 

Primo Premio!!!!!!!!!!!!!

 17 Maggio 2019 L’orchestra dell’Istituto Comprensivo di San Giuseppe Jato vince il I premio al  8°Concorso Musicale Nazionale  ” Serradifalco Città della Musica” 

 

La scuola che ci piace

8 Maggio 2019, giornata piena di emozioni e scambi di esperienze con i ragazzi dell’ICS di Cerreto Guidi (FI), con il gruppo di LIBERA PRATO e con i parenti di Vincenzina La Fata ! Due scuole lontane le nostre, ma allo stesso tempo profondamente vicine, accomunate da idee comuni e progettualità. I nostri ragazzi li hanno accolti tramite l’orchestra della scuola, i film “ERA IL PRIMO MAGGIO” e “C’ERA UNA VOLTA IATO” e la visita guidata al museo case D‘Alia e al Giardino della memoria G. Di Matteo. Questa la scuola che ci piace e che crea passioni, che si apre al territorio e che guarda al passato e al futuro. Una scuola che offre ai ragazzi la voglia di cambiamento.
Grazie all’Amministrazione Comunale di SGJ che insieme alla scuola ha curato l’organizzazione dell’intera giornata e grazie a Vincenzo Palermo che ha guidato i nostri ospiti a portella della Ginestra e al centro AUSER di Piana degli Albanesi.

1

Immagine 1 di 25

 

 

I ragazzi e Guttuso

La VUCCIURIA di Guttuso vista da alcuni ragazzi dell’ICS Di San Giuseppe Jato. Attività eseguita in occasione dell’incontro di gennaio con la scrittrice Adele Cammarata e l’illustratrice Mariella Cusumano.

1

Immagine 1 di 5

Piccole ruote crescono

I bambini hanno assistito  a una lezione informativa sul percorso che dovranno affrontare: comportamento da adottare in bici, segnaletica, protezioni passive. Successivamente gli alunni hanno sperimentano, sempre seguiti da Docenti e Formatori del FMI, il percorso che riproduce le strade cittadine, imparando ad osservare i punti critici di un ambiente stradale e a riconoscere i segnali. Divisi in gruppi, si sono alternati  nel ruolo di ciclisti, pedoni e vigili per apprendere i comportamenti da adottare come utenti vulnerabili della strada. Sono stati coinvolti gruppi di alunni delle classi III dei plessi del nostro Istituto.

1

Immagine 1 di 83

CARNEVALE 2019

Il progetto MANICREANDO”, realizzato dalla scuola primaria “Giovanni Falcone” dell’Istituto Comprensivo Statale di San Giuseppe Jato, è un viaggio verso l’integrazione, dove non c’è un forte o un debole, un ricco o un povero, un capace o un meno capace ma ci sono persone diverse che INSIEME si completano creando solidarietà, cooperazione, armonia, amore…, perchè la DIVERSITA’ non DIVIDE ma UNISCE.
BUON CARNEVALE 


  

 


 

ORGANIZZAZIONE MANIFESTAZIONI DI CHIUSURA del progetto: “CAMBIO DI PROSPETTIVA:

IL TERRITORIO DIVENTA SCUOLA….DI VITA”

(PON 10.1.1-FSE- PON-SI-2017-522)

Fondi Strutturali Europei – Programma Operativo Nazionale “Per la scuola, competenze e ambienti per l’apprendimento” 2014-2020. Avviso prot. n. 10862 del 16/09/2016 “Progetti di inclusione sociale e lotta al disagio nonché per garantire l’apertura delle scuole oltre  l’orario scolastico soprattutto nelle aree a rischio e in quelle periferiche”. Asse I – Istruzione – Fondo Sociale Europeo (FSE). Obiettivo specifico 10.1. – Riduzione del fallimento formativo precoce e della dispersione scolastica e formativa. Azione 10.1.1 – Interventi di sostegno agli studenti caratterizzati da particolari fragilità, tra cui anche persone con disabilità

CODICE PROGETTO: 10.1.1A-FSEPON-SI-2017-522Codice CUP: I99G160000380007

 

“CAMBIO DI PROSPETTIVA: IL TERRITORIO DIVENTA SCUOLA….DI VITA”

 SI COMUNICA CHE MERCOLEDÌ, 27 FEBBRAIO 2019, alle ore 16,30                   

NELL’AUDITORIUM DELLA SEDE CENTRALE SI SVOLGERÀ LA

MANIFESTAZIONE DI CHIUSURA DEI MODULI AFFERENTI AL PROGETTO PON

“CAMBIO DI PROSPETTIVA: IL TERRITORIO DIVENTA SCUOLA….DI VITA” –

CODICE 10.1.1A-FSEPON-SI-2017-522:

   

 

 

—————————————————————————————————————————————–

La nostra scuola partecipa al Firenze Archeofilm , festival internazionale del cinema di archeologia, arte e ambiente

 Sullo sfondo di scenari e personaggi realizzati con la tecnica delle ombre cinesi, 12 ragazzi narrano la storia dell’antica Iato, da città elimo-sicana a ultima roccaforte musulmana di Sicilia, in lotta contro Federico II di Svevia. Realizzato dall’Istituto Comprensivo Statale di San Giuseppe Jato (Pa) nel 2017.

https://www.firenzearcheofilm.it/premigiuria-2019

 

Buona visione

 

 

CANTO DI NATALE FUTURISTA 
Il progetto “Canto di Natale futurista” rientra nell’ambito della CONTINUITÀ tra le classi ponte della scuola primaria (quinte) e secondaria di primo grado (Prime) dell’Istituto Comprensivo di San Giuseppe Jato.
Il progetto, imperniato sulla didattica laboratoriale per competenze, si è concretizzato attraverso l’allestimento di una performance teatrale.
Partendo dalla lettura del racconto di Charles Dickens Christmas Carol, nonché dalla resa cinematografica dello stesso, sono stati realizzati 7 laboratori artistico-espressivi (canto, ballo, recitazione, scenografia e costumi) , da novembre 2018 a dicembre 2019 per un totale di 25 ore, miranti all’allestimento di uno SPETTACOLO TEATRALE incastonato in una cornice futurista.

 

Natale a scuola….

Il Mattarella apre le porte… al Natale

Natale creativo al Plesso Mattarella!

Quando condivisione, volontario impegno, collaborazione e divertimento producono piccoli capolavori:

Le porte artistiche delle nostre aule, hanno creato una magica atmosfera natalizia.

 

 

” MANi CREANDO”

Il progetto ” MANi CREANDO”, realizzato dalla scuola primaria “G. Falcone” dell’ IC di San Giuseppe Jato, è un viaggio verso l’integrazione, dove non c’è un forte o un debole, un ricco o un povero, un capace o un meno capace ma ci sono persone diverse che INSIEME si completano creando solidarietà, cooperazione, armonia, amore…, perché là Diversità non Divide ma UNISCE!
“IL NATALE È L’AMORE IN AZIONE. OGNI VOLTA CHE AMIAMO, OGNI VOLTA CHE DONIAMO, È NATALE”    ( D.E.Rogers)

AUGURI

 

 

Donazione AGJ Associazione Genitori Jatini

Nelle scorse giornate, e come l’anno scorso, l’Associazione Genitori Jatini – AGJ, ha destinato parte del residuo attivo dei versamenti volontari degli associati, per l’acquisto di beni durevoli da destinare alle nostre scuole per attività ludiche e didattiche.
Nello specifico sono stati donati:
N. 3 di Grandi Giochi GG95001 – Dama e Scacchi in Legno
n. 3 di RMB 2er Pack Mikado di gioco di legno
n. 1 Proiettore Home HD 5000 Lumens con Altoparlante Incorporato HDMI USB VGA AV Audio
n. 3 di Bacchette colorate, gioco Mikado Pipa Lupina
n. 3 di Gioca e impara. Numeri, forme, colori, animali. Eco-cubotti.
n. 01 Kit Saltarello Small per attività Motoria
n. 01 Kit di apprendimento Set da 4 Pezzi Righello Set Lavagna Magnetica per Lavagna e Lavagna – Giallo
n. 03 di Carta geografica murale Italia 100×140 bifacciale fisica e politica con aste in alluminio
n. 03 di Carta geografica murale planisfero mondo 100×140 scolastica bifacciale fisica e politica
n. 03 di Europa Carta Murale Scolastica Bifacciale [Fisica/Politica] [132x99cm] Belletti
n. 02 Impianto PA • Woofer 2×8 (20cm) • Potenza Nominale 60W • Picco Massimo 200W • Tecnologia Bass XMR
n. 01 Famosa 800009590 – Feber Casetta del Bosco [con scivolo integrato]
Tutto ciò è stato possibile esclusivamente grazie alla generosità dei genitori associati e alla loro sensibilità.
A loro deve andare il ringraziamento di tutta la comunità, come un grandissimo ringraziamento deve andare a quei genitori, componenti il Comitato Direttivo dell’Associazione, che quotidianamente si impegnano per il perseguimento degli interessi comuni a tutti noi e ai nostri figli.
Buone feste dall’AGJ

1

Immagine 1 di 21

circolari
albo_pretorio
amm_trasparente
Axios-Docenti
iscrizioni_online
miur
usr-sicilia
Fondi-strutturali
noipa
logoindire
logo_invalsi
Istanze_Online
Scuola in chiaro